Vaccini, cosa preoccupa di più i genitori?

Vaccini, cosa preoccupa di più i genitori?

29 Gennaio 2018 Massimo Buscema 0

Negli ultimi anni il dibattito sui vaccini è stato uno dei più accesi, fraintesi e, aggiungiamolo pure, tra quelli più politicamente strumentalizzati. Ma quanti sono, in Italia, i genitori che effettivamente non fanno vaccinare i propri bambini? Che cosa li preoccupa di più e quali sono le fonti di informazione che ritengono più affidabili?
Per rispondere a queste domande un gruppo di ricercatori italiani ha svolto un’indagine a livello nazionale, i cui esiti sono stati pubblicati a inizio 2018 sulla rivista «Vaccine». L’indagine, coordinata da Cristina Giambi dell’Istituto Superiore di Sanità, è stata condotta nel 2016, quindi prima che l’obbligatorietà dei vaccini venisse stabilita per legge (l’iter, rapidissimo, si riassume in due punti: la pubblicazione del Decreto Legge n. 73 del 7 giugno 2017, recante “disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”, e la conversione del decreto in legge, la n. 119, il 31 luglio 2017). Tornando all’indagine, le percentuali ricavate derivano da un totale di 3130 questionari, a cui hanno risposto genitori di bambini di età compresa tra i 16 e i 36 mesi. Sulla base delle risposte sullo status vaccinale dei figli, i partecipanti sono stati suddivisi in tre gruppi: “pro-vaccinazioni”, “esitanti” e “contrari alle vaccinazioni”. Il dato che salta all’occhio è la ridottissima percentuale di genitori contrari, che risulta inferiore all’1% (0,7%). I genitori favorevoli sono l’83,7% del campione, mentre quelli esitanti rappresentano il 15,6% del totale. Per quanto riguarda i motivi di preoccupazione, come noto il più diffuso è il timore che i vaccini non siano sicuri: “la sicurezza – riassume Epicentro – è risultata essere il principale motivo di preoccupazione alla base del rifiuto (38,1%) o dell’interruzione (42,4%) della vaccinazione”. I genitori esitanti hanno dettagliato le ragioni dei propri timori come segue: non aver ricevuto la raccomandazione di effettuare tutte le vaccinazioni dal pediatra; aver sentito opinioni tra loro discordanti; aver incontrato genitori di bambini che hanno avuto esperienza di eventi avversi importanti e aver incontrato genitori che fanno ricorso a “pratiche mediche alternative”. Sia per i genitori pro-vaccini (96,9%) sia per quelli esitanti (83,3%), la fonte di informazione sui vaccini considerata più affidabile è in ogni caso il pediatra. “La sicurezza dei vaccini è percepita come motivo di preoccupazione da tutti i genitori – conclude l’abstract dell’indagine – benché in grado maggiore dai genitori esitanti e da quelli contrari. Analogamente ai genitori favorevoli, anche gli esitanti ritengono che la vaccinazione sia un importante strumento di prevenzione e si fidano del pediatra di famiglia, un dato che suggerisce che interventi di comunicazione appropriati potrebbero essere, per loro, efficaci. Formare chi opera nell’ambito della salute e fornire informazioni omogenee, in accordo con le raccomandazioni nazionali, sarà un passo cruciale per rispondere ai loro timori”.

Autore
Foto del profilo di Massimo Buscema

Massimo Buscema

Dal 2011 il professore Massimo Buscema (specialista endocrinologo) è Presidente del Consiglio dell'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Catania.


Email: presidente@cataniamedica.it

Your email address will not be published. Required fields are marked *