Prendersi cura del malato in tempi di Pandemia

Prendersi cura del malato in tempi di Pandemia

1 Marzo 2021 Redazione 0

Ascolto, coinvolgimento e condivisione. Sono questi gli elementi essenziali del prendersi cura del paziente specie in tempi come quelli attuali scanditi dalla Pandemia. Don Antonino Sapuppo, docente di teologia morale e bioetica e direttore dello studio teologico San Paolo di Catania , lo ha spiegato a chi assiste nel suo ruolo di operatore sanitario il paziente ma anche a chi “ha scelto la cultura del volontariato e vive la dimensione reale dello stare accanto all’ammalato” nella sua relazione tenuta su piattaforma video dalla Casa di cura Morgagni. Il meeting è stato  organizzato dalla sezione catanese dell’AMCI (Associazione Medici Cattolici Italiani). Sapuppo ha fatto riflettere tutti su un aspetto: l’incontro con il sanitario o il volontario. “Per il paziente quell’incrocio di sguardi, la vicinanza di un’altra persona è la vita” ha sottolineato Sapuppo. Salvatore Castorina, presidente emerito AMCI, ha ricordato, al riguardo, come, “non essendo disponibili ad oggi strutture costruite con percorsi idonei a consentire il contatto protetto da vetro, nell’immediato, ogni Centro (Covid o meno che sia) dovrebbe essere dotato almeno di una stazione audio-video tale da mettere in contatto i congiunti con gli infermi almeno prima di essere intubati”. Questi ed altri punti sono del resto contenuti nel documento che l’Associazione, pur nei suoi contenuti drammatici ma reali, ha presentato alla cittadinanza su delega dell’Ordine dei medici, rappresentato nell’incontro della Morgagni, dal Presidente Igo La Mantia. “Tra le nostre proposte – aggiunge il Presidente AMCI, Massimo Libra – c’è la possibilità di consentire mediante piccoli accorgimenti di sicurezza (maschera, camice e calzari), il riconoscimento della salma della persona cara, almeno a un familiare, prima della chiusura della bara. Sono elementi che non richiedono impegni economici particolari ma esprimono attenzione e partecipazione sociale al lutto di chi, colpito, deve poter godere della sola ultima consolazione possibile”. Il progetto è stato ampiamente condiviso dalla Lega Italiana per la lotta ai Tumori (LILT). “Il malato oncologico – ha detto nel suo intervento la presidente della sezione catanese, Aurora Scalisi – deve trovare in questa pandemia una precisa identità di percorso che non lo allontani nè dagli accertamenti diagnostici e dalle cure necessarie nè dagli affetti familiari”.

 

Autore
Foto del profilo di Redazione

Redazione

Your email address will not be published. Required fields are marked *