Artemisia: “Disagio e preoccupazione per disservizi informatici del territorio”

Artemisia: “Disagio e preoccupazione per disservizi informatici del territorio”

12 Gennaio 2020 di: Nino Rizzo 0

Artemisia, associazione scientifica e culturale rappresentativa di medici di medicina generale e specialisti, esprime forte preoccupazione per i persistenti disservizi dei sistemi informatici della ricettazione elettronica, gestiti da SOGEI, che ormai da circa cinque giorni stanno determinando una situazione ormai insostenibile. Solo il buon senso e lo spirito di servizio dei medici di famiglia sta consentendo di evitare il default del sistema assistenziale. Ma a questo grottesco ed inspiegabile collasso del sistema informatico nazionale si aggiunge una ulteriore criticità per i medici di famiglia dell’ASP di Catania e cioè il razionamento numerico nella consegna dei ricettari c.d. “rossi”, il cui uso sta in questo momento evitando la sospensione di tutti i servizi che fanno capo all’assistenza territoriale. È chiaro che l’impossibilità di ricettare elettronicamente obbliga all’uso dei ricettari “rossi” e di conseguenza ad un loro aumentato consumo. Non è quindi assolutamente più sufficiente il modesto numero di ricettari rossi sinora consegnati per volta ed urge una misura di intervento straordinaria consona alla straordinarietà della situazione che si è determinata. Artemisia chiede un pronto intervento dei vertici aziendali consentendo la consegna dei ricettari tutti i giorni, sia nelle ore antimeridiane che pomeridiane, e garantendo ogni volta la consegna di almeno venti ricettari per evitare continue peregrinazioni presso gli uffici dell’ASP.

Autore
Foto del profilo di Nino Rizzo

Nino Rizzo

Your email address will not be published. Required fields are marked *