Corsi ECM, verso la deducibilità al 100% delle spese per i liberi professionisti

Corsi ECM, verso la deducibilità al 100% delle spese per i liberi professionisti

1 Novembre 2016 di: Ezio Campagna 0

Attualmente le spese di partecipazione a convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale, incluse quelle di viaggio e soggiorno, sono deducibili nella misura del 50 per cento del loro ammontare. Una volta che il Ddl sarà entrato in vigore, i liberi professionisti potranno detrarre per intero dal reddito spese, un massimo di 10 mila euro impiegati per l’aggiornamento formativo, master, congressi e potranno inoltre beneficiare dello stesso diritto circa gli esborsi sostenuti per l’orientamento, la ricerca di servizi lavorativi e la certificazione personale delle competenze per un massimo di 5 mila euro l’anno. Un cambiamento fiscale non da poco che sicuramente rappresenterà un impulso per incentivare la formazione professionale. Insomma si va verso una norma che prevede la deducibilità totale delle spese. Lo conferma Giuseppe Renzo, presidente dalla Commissione albo Odontoiatri della Fnomceo che sul Sole 24 Ore dichiara che la novità è: «All’interno del disegno di legge n. 2233 attualmente in discussione presso la Commissione Lavoro del Senato, in cui è inserito l’art. 5 sulla “Deducibilità delle spese di formazione e accesso alla formazione permanente”. Spese integralmente deducibili, entro il limite annuo di 10.000 euro». E che siano deducibili «Entro il limite annuo di 5.000 euro le spese sostenute per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento, ricerca e sostegno all’auto-imprenditorialità, mirate a sbocchi occupazionali effettivamente esistenti e appropriati in relazione alle condizioni del mercato del lavoro, erogati dagli organismi accreditati ai sensi della disciplina vigente – Conclude Renzo -. Siamo soddisfatti per l’inserimento nello “Statuto dei lavoratori” autonomi della totale deducibilità delle spese di formazione continua dei professionisti, inclusi odontoiatri e medici». Ma qual è il panorama del lavoro autonomo in Europa e soprattutto quale lo stato d’animo dei medici e dei professionisti in generale relativamente alla formazione obbligatoria? In Italia è evidente che tra i diritti reclamati dai liberi professionisti, è tenuto particolarmente a cuore il tema delle deduzioni fiscali rispetto alla formazione essenziale ai fini dell’esercizio della professione. E nel resto d’Europa? Cosa pensano i lavoratori autonomi francesi, inglesi e tedeschi, del diritto all’aggiornamento? Oggi in Europa i lavoratori autonomi sono oltre 9,5 e rappresentano il 4% della forza lavoro. In molti Paesi, specialmente europei e del mondo anglosassone vi è stata una ulteriore evoluzione della formazione, dall’Educazione Continua (ECM) allo Sviluppo Professionale Continuo (CPD Continuous Professional Developement). Esso indica il mantenimento sistematico, il miglioramento e la continua acquisizione di conoscenze, abilità e competenze non solo nella propria area professionale ma anche in altre discipline. Questo ovviamente comporta costi per i professionisti, infatti i sistemi CPD di tutta Europa sono molto articolati e mostrano criteri differenti in base alle professioni ed ai Paesi. Nonostante le differenze, in ogni caso, in tutti i Paesi, i professionisti evidenziano un elemento comune: l’onere dei costi e la mancanza di tempo come le principali barriere alle attività di aggiornamento.

Autore
Foto del profilo di Ezio Campagna

Ezio Campagna

Consigliere Odontoiatra presso l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Catania. Vice Presidente Fondazione Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Catania. Coordinatore ECM Regione Sicilia per la Professione Odontoiatrica.


Email: direzioneodontoiatria@cataniamedica.it

Your email address will not be published. Required fields are marked *